L’artrite reumatoide all’esordio coinvolge, generalmente in modo simmetrico, le piccole articolazioni delle mani e dei piedi, che si presentano calde, tumefatte, dolenti ed estremamente rigide. Lasciata al suo corso conduce in modo progressivo ad un danno articolare irreversibile ed invalidante. Un precoce riconoscimento diagnostico consente di instaurare un intervento terapeutico tempestivo, rallentando o arrestando l’evoluzione della malattia. La diagnosi di artrite reumatoide non comporta particolari difficoltà nelle fasi avanzate di malattia, quando i segni clinici e radiologici risultano estremamente caratteristici, quali la presenza di tumefazione articolare o di erosioni ossee visibili mediante tecniche di imaging. Tali segni possono essere del tutto assenti nelle fasi iniziali di malattia, quando le alterazioni sono aspecifiche e simili a quelle presenti in altre malattie infiammatorie articolari. Risulta pertanto estremamente importante il riconoscimento dei cosiddetti “sintomi sentinella”; a tal proposito nel 2004 la S.I.R. ha stabilito dei punti cruciali per la diagnosi precoce di artrite reumatoide, le cosiddette “red flags”. Prof. Stefano Bombardieri – Presidente SIR – Società Italiana Reumatologia

RED FLAGS PER DIAGNOSI PRECOCE ARTRITE REUMATOIDE